Sezioni

Un contributo per gli ultra65enni vittime di furti o rapine: le info

Nuovo servizio da luglio 2020

Un rimborso economico a favore delle persone con più di 65 anni che abbiano subito un furto in casa o siano state scippate: è il nuovo servizio di welfare che la Giunta comunale ha istituito con Delibera n. 30/2020 con il coinvolgimento delle Organizzazioni Sindacali confederali, di categoria e dei pensionati.

Il rimborso spese, fino a un massimo di 500 €, è previsto, a partire da luglio, per le seguenti tipologie di eventi: scippo, rapina, estorsione, furto con destrezza, furto con scasso, furto avvenuto all'interno dell'abitazione di residenza in presenza dell'interessato o dei suoi familiari.

Il rimborso non è previsto qualora la persona interessata sia titolare di polizza assicurativa a copertura delle medesime tipologie di sinistro

L'erogazione del rimborso spese è definito come segue:

  • € 100 per sinistro all'anno per ogni avente diritto, ovvero una cifra pari al valore riscontrabile se il bene sottratto è di importo inferiore. All'importo dichiarato possono essere aggiunti i costi per il rifacimento dei documenti fino al massimale previsto 
  • € 500 nel caso di sottrazione della pensione nel giorno del suo ritiro, limitatamente a un evento all'anno per ogni interessato
  • in presenza di furti con o senza scasso che determinano la necessità di intervenire per il ripristino di porte, finestre, serrature al fine di entrare e garantire la permanenza nell'abitazione principale del residente avente diritto è possibile ottenere un rimborso fino a un massimo di euro 300 su presentazione della fattura/ricevuta del professionista che è intervenuto per eseguire i lavori

Allegati e link utili

  • Per gli approfondimenti e i contatti consulta la scheda informativa
  • Locandina
  • La nota dell'Amministrazione tramite il link a fondo pagina

Valuta questo sito