Sezioni

Liberiamo l'aria: le misure in vigore da ottobre 2019 a marzo 2020

Le misure del PAIR 2020 e le misure emergenziali. L'Ordinanza di Zola Predosa (n.21/2019)

Dal 1° ottobre 2019 al 31 marzo 2020 sono in vigore le misure antismog come previsto dal PAIR 2020 - Piano Aria Integrato Regionale. 

Oltre a Zola Predosa, le limitazioni riguardano altri 9 Comuni dell'agglomerato di Bologna (Argelato, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo dell’Emilia, Ozzano dell'Emilia, Pianoro, San Lazzaro di Savena) oltre a Bologna e Imola. 

E' disponibile l'Ordinanza del Comune di Zola Predosa (n. 21/2019) con tutte le disposizioni che riguardano il territorio di Zola Predosa.

Le limitazioni alla circolazione nei centri abitati interessati, previste dal lunedì al venerdì e nelle domeniche ecologiche (06/10/2019, 20/10/2019, 03/11/2019, 17/11/2019, 01/12/2019, 15/12/2019, 12/01/2020, 19/01/2020, 02/02/2020, 16/02/2020, 01/03/2020, 15/03/2020) dalle 8.30 alle 18.30, riguardano i veicoli benzina fino all'euro 1, diesel fino all'euro 3 e ciclomotori pre euro.

infografica 2019-2020Possono circolare i mezzi alimentati a metano, gpl, elettrici, ibridi e quelli che viaggiano con almeno 3 persone a bordo, se omologati per 4 o più posti, e con almeno 2 persone, se omologati per 2 o 3 posti a sedere (car pooling). E via libera anche ai trasporti specifici o per usi speciali e ai mezzi in deroga, tra cui quelli di lavoratori turnisti, per chi si sposta per motivi di cura, assistenza o emergenza, chi accompagna bambini a scuola o i meno abbienti (potrà circolare un singolo guidatore con Isee annuo fino a 14mila euro).  

Norme per il riscaldamento domestico 

Fino al 31 marzo 2020 è inoltre in vigore lo stop all’utilizzo di caminetti, stufe a legna o pellet per il riscaldamento domestico di classe 1 e 2 stelle (questa è l’unica novità di quest’anno: l’anno scorso lo stop riguardava solo gli impianti 1 stella) negli immobili civili in cui è presente un sistema alternativo di riscaldamento domestico, che si trovino in tutto il territorio regionale sotto i 300 metri di altitudine (sono quindi esclusi i Comuni montani, specificati dalla LR 2/2004 “Legge per la montagna”) e nei Comuni oggetto di infrazione per la qualità dell’aria. Per le nuove installazioni, in Emilia-Romagna è consentito utilizzare nuovi impianti con classe emissiva 3 stelle o superiore. Dal 1° gennaio 2020 solo nuovi impianti di classe 4 stelle o superiore. E’ inoltre obbligatorio, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale <35kW, l’uso di pellet certificato da un Organismo accreditato (UNIEN ISO 17225 di classe – AI). 

Misure emergenziali nei giorni di allerta 

Scattano, inoltre, le “misure emergenziali” quando si supera il limite di PM10 per 3 giorni consecutivi (su base provinciale). In questo caso, nei Comuni Pair della provincia nella quale si sono verificati i superamenti, si applica una serie di misure aggiuntive dal giorno seguente a quello di controllo compreso. Il monitoraggio dei dati sulla qualità dell’aria è effettuato due volte a settimana, come nella scorsa stagione: lunedì e giovedì. Il Bollettino è reso disponibile entro le 11 su www.liberiamolaria.itCittà metropolitana di Bologna ha anche un servizio gratuito di Alert sms-Email per comunicare l’attivazione delle misure emergenziali.

Nel dettaglio, come illustrato nell'infografica, le misure emergenziali prevedono limitazioni alla circolazione estese anche ai veicoli fino a euro 4 diesel compreso; lo stop agli impianti a biomassa per uso domestico fino a 3 stelle (comprese) in presenza di impianto alternativo; l’obbligo di abbassamento del riscaldamento fino a di 19° C nelle case e 17° C nei luoghi di attività produttive e artigianali; i divieti di combustione all’aperto (falò, barbecue, fuochi d’artificio, ecc…), di sosta e fermata con il motore acceso per tutti i veicoli, di spandimento liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili e, infine, il potenziamento dei controlli sulla circolazione dei veicoli nei centri urbani.

App “Che aria è”

È possibile scaricare gratuitamente su Play Store (per Android) e su App Store (per iOS) la app “Che aria è” per conoscere quotidianamente la qualità dell’aria che si respira a Bologna in modo semplice e intuitivo, e per ricevere ogni giorno informazioni e suggerimenti (piccole e grandi azioni per monitorare e migliorare la qualità dell'aria)

Mappa Interattiva Metropolitana 

Dal sito www.cittametropolitana.bo.it/pianoaria 

Infografica e Ordinanza

Materiali informativi


Il video sopra è disponibile insieme a molti altri video e materiali illustrativi tramite la sezione dedicata del sito Liberiamolaria.

Link utili e approfondimenti

Valuta questo sito