Sezioni

Specie invasive esotiche: denuncia di possesso fino al 31/8

Le modalità per inviare la denuncia al Ministero dell'Ambiente e il link alla sezione web ministeriale

Tra le cause di perdita di biodiversità, in Italia e nel mondo, ci sono le cosiddette "Specie esotiche invasive", ossia specie di animali o piante originarie di altre regioni geografiche (volontariamente o accidentalmente introdotte sul territorio nazionale), che, oltre a poter entrare in concorrenza diretta con alcune delle nostre specie, possono alterare lo stato degli habitat e degli ecosistemi naturali.

I possessori di animali da compagnia appartenenti a specie esotiche invasive, non utilizzati a scopo commerciale, possono continuare a custodirli fino a fine vita a condizione di denunciarne il possesso al Ministero dell’Ambiente entro i termini stabiliti.

In nessun modo gli animali possono essere rilasciati nell’ambiente! La violazione del divieto previsto dal Decreto-legge 230/2017, all’art. 6, comma 1, lettera h, (divieto di rilascio nell’ambiente) è un reato penale punibile con arresto fino a tre anni o ammenda da € 10.000 a € 150.000.

Denuncia

La denuncia di possesso deve avvenire inviando l’apposito modulo di denuncia (o di tutte le informazioni in esso contenute) tramite una delle seguenti modalità:

  • PEC (all’indirizzo: pnmII@pec.minambiente.it)
  • raccomandata con ricevuta di ritorno (all’indirizzo: Ministero dell’Ambiente, Direzione Protezione Natura, Divisione II, Via Cristoforo Colombo n. 44  - 00147 – Roma)
  • fax (al numero: 06-57223468).

La ricevuta di PEC, fax o raccomandata accerterà l’avvenuta denuncia. Il termine per presentare tale denuncia del possesso di esemplari di  specie esotiche invasive è prorogato al 31 agosto 2019 (Decreto Legge 25 luglio 2018, n. 91).  

vai alla sezione del ministero dell'Ambiente   
> la notizia sul portale regionale

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/07/10 06:35:00 GMT+2 ultima modifica 2019-07-17T11:50:14+02:00 scaduto

Valuta questo sito