Sezioni

Avere un cane: regole e obblighi

Oggetto

Avere un cane è importante per la compagnia e l'affetto che l'animale garantisce, ma è anche un impegno e obbliga i proprietari ad alcuni comportamenti da rispettare.

L’Ordinanza n.34 e 35/2010 e il Regolamento Comunale per la presenza dei cani sulle aree pubbliche indicano le regole da osservare quando si possiede un cane, oltre alle sanzioni per i trasgressori.

Comportamenti da rispettare

Anagrafe canina

Tutti i proprietari di cani residenti nel Comune di Zola Predosa sono tenuti a iscrivere il proprio cane all'Anagrafe Canina comunale.

Si ricorda che in caso di cambio di residenza (sia all'interno del territorio comunale di Zola Predosa, che verso altro paese, città o regione) è necessario darne comunicazione all'Anagrafe Canina:

  • in caso di trasferimento verso altro comune all'interno della Regione Emilia-Romagna la comunicazione può essere fatta indifferentemente al Comune di nuova residenza o al Comune di Zola Predosa;
  • in caso di trasferimento verso un comune di altra regione deve esserne data comunicazione all'Anagrafe Canina di Zola Predosa. 

Si ricorda, infine, che in caso di cessione di un cane, sia all'interno che fuori Regione, deve esserne data comunicazione all'Anagrafe Canina di Zola Predosa.

Obblighi e divieti in sintesi

Avere un cane comporta obblighi e doveriIn sintesi si ricorda il divieto di abbandonare le deiezioni dei cani lungo gli spazi pubblici (strade, giardini, marciapiedi), l’obbligo di provvedere immediatamente alla pulizia e all’asportazione delle deiezioni (utilizzando apposite pinze o palette o contenitori per la raccolta) durante l’accompagnamento dei propri animali.

Insieme a quello di dover adottare i provvedimenti per impedire che i cani fuoriescano dalle proprietà private, è opportuno ricordare il divieto di lasciare vagare liberamente, cioè senza guinzaglio, i propri cani nei luoghi e nelle aree pubbliche o aperte all’uso pubblico (come i parchi pubblici, ad esempio) ovvero nelle aree private altrui e di uso comune.

Il guinzaglio non deve avere misura superiore a 1,50 m: inoltre, per i cani di media e grande taglia, è necessario dotarli anche di museruola in occasione di fiere, feste mercati ed ogni altro luogo in cui vi siano raccolte più persone. Sono avvertenze semplici, ma fondamentali per una corretta convivenza nel rispetto delle basilari norme di sicurezza, igiene e decoro pubblico.

Le Ordinanze n. 34 e 35, col dettaglio completo delle prescrizioni sono disponibili dai link a fondo pagina.

Decalogo: regole e comportamenti in 10 punti

I proprietari di animali o chi ne ha la custodia sono responsabili dei danni da loro cagionati.

  1. I proprietari di animali o chi ne ha la custodia devono raccogliere le feci e gettarle negli appositi contenitori: il fatto di trovarsi in un’area apposita per cani non significa che si possa dimenticare una delle prime regole che permette di evitare la diffusione di parassiti intestinali e che torna quindi nell’interesse nostro e del nostro cane.
  2. Vanno introdotti nelle aree cani solo animali microchippati e registrati all’anagrafe canina: tutti i cani di proprietà dovrebbero essere denunciati, ma è sempre meglio specificarlo. Se hanno anche una medaglietta con nome dell’animale e numero di telefono del proprietario è ancora meglio: sarà più facile per chi lo trova restituirlo e per i padroni riaverlo.
  3. Introdurre solo cani vaccinati e trattati contro parassiti interni ed esterni: è un consiglio che vale per tutti gli spazi verdi frequentati da animali e non solo per le aree comunali: ne va della salute del cane. Non introdurre animali malati o convalescenti: oltreché potenziali vettori di germi per gli altri sono più a rischio di contrarre malattie diverse da quella di cui già soffrono perché più fragili. Evitare di introdurre nelle aree cani in calore: stimolerebbero la normale aggressività degli altri cani col rischio concreto che si scatenino zuffe e che qualcuno venga morso. Se proprio necessario, è opportuno almeno scegliere momenti di scarsa affluenza oppure far sterilizzare la cagnolina.
  4. Non introdurre cani aggressivi: per lo stesso motivo bisognerebbe evitare anche di introdurre cani con problemi comportamentali. Se il cane è notoriamente aggressivo è opportuno limitare l’accesso alle aree frequentate da altri cani a momenti in cui non c’è nessuno, cercando, al più presto, un aiuto per rieducarlo alla vita sociale.
  5. Entrare e uscire dalle aree cani con l’animale al guinzaglio e la museruola a disposizione: prima di usufruire di aree pubbliche i cani dovrebbero essere educati all’uso di guinzaglio e museruola in modo che non vivano il loro uso come una punizione. Una volta entrati i cani possono essere liberati ma solo se sono tranquilli e rispondo ai vostri richiami. I cancelli delle aree devono essere sempre richiusi alle proprie spalle dopo il passaggio.
  6. I cani devono essere sempre sotto il controllo del proprietario (che deve stare all’interno dell’area insieme all’animale).
  7. Anche i bambini, nelle aree cani, devono sempre essere sotto la supervisione di un adulto. Non vanno mai lasciati mai incustoditi bambini nelle aree in cui i cani possono giocare e stare liberi: sia gli uni che gli altri possono avere comportamenti imprevedibili. Non tutti cani sono abituati alla presenza dei bambini e alla loro vivacità. È importante quindi educare al più presto i propri bambini al corretto rapporto coi cani e gli altri animali e non dare per scontato che i cani degli altri tollerino la presenza dei nostri figli.
  8. Evitare che il cane abbai in modo prolungato e ripetitivo: può costituire un disturbo alla quiete degli altri cani e rendere sgradita la presenza delle aree cani nel verde cittadino.
  9. Somministrare cibo ai cani all’interno dell’area significa dar luogo a fenomeni di competizione fra i cani presenti. Per lo stesso motivo bisogna evitare di introdurre e consumare alimenti di qualsiasi tipo. Sbagliatissimo anche alimentare un altro cane senza autorizzazione: è un comportamento maleducato e pericoloso. Ci sono cani che soffrono di allergie a determinati ingredienti, che sono a dieta per motivi medici, che sono mendicanti e i proprietari non vogliono che il comportamento sia incoraggiato. Anche se fatto a fin di bene, non si nutre mai il cane di un’altra persona senza chiedere il permesso. Neanche un biscottino. Giocare con palline, frisbee o bastoni, se sono presenti più cani, potrebbe innescare fenomeni di competizione. Molti cani hanno problemi con le risorse e l’area cani non è un posto sicuro e adatto per il gioco.
  10. Non prendere il cane in braccio: ecco un altro errore comune, soprattutto tra i proprietari di cani di piccola taglia. È estremamente comprensibile voler preservare un cane piccolino se una situazione inizia a degenerare. È un gesto innato, una sorta di istinto quasi impossibile da combattere. Ma l’atto di alzare da terra cani di piccola taglia innesca l’istinto della predazione in molti cani. In un’area cani, dove tutti i cani sono extra-stimolati ed eccitati, prendere un piccoletto in braccio in preda al panico potrebbe essere sufficiente per mettersi in pericolo, rimediando magari un bel morso. Va sempre ricordato che quando qualcosa si sposta verso l’alto e in fretta per il cane significa che sta fuggendo, significa “caccia!”

Elenco cestini per deiezioni canine presenti sul territorio

Aree di sgambamento cani

Sul territorio comunale sono presenti 3 aree di sgambamento cani:

In caso di incidenti

E’ utile ricordare che il Nuovo Codice della strada, all’art. 189 c. 9 bis, ha reso obbligatorio per ogni utente della strada soccorrere tempestivamente gli animali vittime di incidenti; precisando che sia chi è coinvolto in un incidente stradale con animali (domestici, da cortile o selvatici), sia chi non ne è direttamente coinvolto, è obbligato ad attivare i soccorsi, pena una sanzione amministrativa (diversa per le due casistiche).

Chi assista a un incidente stradale che coinvolga cani o gatti, per attivare correttamente i soccorsi dovrà chiamare direttamente:

  • il Corpo Unico di Polizia Locale "Reno Lavino" 
    NUMERO VERDE 800 25 38 08
    Orario di servizio ordinario : dal lunedì al sabato dalle 7.30 alle 19.30
  • il Comando Stazione Carabinieri Zola Predosa
    tel.  051.755102
  • Carabinieri al numero di emergenza: 112   

Per carcasse o incidenti che riguardano la fauna selvatica occorre contattare la Polizia Provinciale della Città Metropolitana: Telefono: 051.659 9581 - Cell. 329.750 4977

Va assolutamente evitato il trasporto di propria iniziativa dell’animale selvatico.

Modulistica e link utili

Valuta questo sito