Logo stampa
Comune di Zola Predosa - Home Page
 
  • Aree tematiche
 
 

CittÓ di Zola Predosa: presentazione

il municipio di zola predosa

Zola Predosa Ŕ adagiata fra la pianura e le colline sormontate dal Monte Capra e dal Monte Rocca.
Moderno centro industriale e agricolo, posto a 12 Km di distanza dal centro di Bologna, Zola Predosa Ŕ un Comune dell'Area Metropolitana bolognese che confina con Bologna, Casalecchio di Reno, Sasso Marconi, Monte San Pietro, Crespellano e Anzola Emilia.
Dal 1997 Ŕ gemellata con il comune svedese di Timra con il quale Ŕ impegnata nella promozione di scambi di esperienze nei diversi settori di economia, amministrazione, ambiente, cultura e sport.
Le frazioni che compongono il Comune sono: Zola Predosa, Gesso, Gessi, Lavino, Rivabella, Ponte Ronca, Tombe Madonna Prati e Riale.
Il tessuto produttivo alimenta uno tra i pi¨ importanti distretti industriali della provincia di Bologna, sia per numero di aziende - molte delle quali sono protagoniste riconosciute sia sul mercato nazionale che su quello internazionale - sia per la qualitÓ dei prodotti, in molti casi di alta tecnologia e specializzazione.
Molto articolato il tessuto sociale, con la presenza di una estesa gamma di soggetti rientranti nell'ambito associazionistico, nei diversi settori culturale, sociale, sportivo.
Con l'adesione all'Associazione Nazionale CittÓ del Vino e all'Associazione Strada dei Vini e dei Sapori, con la realizzazione del Parco Fluviale, la valorizzazione dell'Area naturalistica di Monte Capra e Monte Rocca e grazie alla presenza attiva di Palazzo Albergati e della Fondazione CÓ La Ghironda, Zola Predosa si inserisce da protagonista negli itinerari turistici della provincia di Bologna.
Nel 2001 Zola Predosa ha ottenuto il titolo di cittÓ, e sta valorizzando le sue ricchezze naturali, artistiche e architettoniche: la riqualificazione del suo centro, le chiese, le ville, i numerosi esempi di architettura rurale e industriale, la valorizzazione di percorsi ambientali ed enogastronomici nonchŔ la presenza attiva del Centro Culturale e Museo d'arte Moderna e Contemporanea di CÓ la Ghironda e di Palazzo Albergati fanno di questo Comune un polo culturale sempre pi¨ importante.
Ma non solo: dopo un percorso lungo e condiviso, l'Amministrazione Comunale ha restituito a Zola Predosa Villa Edvige Garagnani, residenza storica risalente al '700, di proprietÓ comunale dal 1971 e restaurata di recente, recuperando e rifunzionalizzando quello che rappresenta uno degli elementi architettonici pi¨ significativi del territorio, impreziosito al suo interno da affreschi attribuiti al Basoli. La Villa assolve la funzione di catalizzatore per la promozione culturale e "vetrina delle eccellenze" presenti sul nostro territorio, ospita convegni e attivitÓ legate alla valorizzazione, all'innovazione tecnologica e a tutti gli argomenti dedicati al sostegno e allo sviluppo della nostra realtÓ territoriale.
Villa Garagnani Ŕ la sede del Parco Giardino Campagna di Palazzo Albergati, che attraversa Zola Predosa creando un'area fruibile e un polmone verde di grandissimo valore sociale e ambientale.
Il Parco - recentemente aperto alla cittadinanza - ha una superficie complessiva di ben oltre 20 ettari e il suo bosco Ŕ composto da circa 900 piante di specie diverse.
Zola Predosa presenta ampia offerta in termini di spazi e iniziative, culturali e non solo. Dalla rassegna "Jazz&Wine" a "Mortadella Please!" - solo per citarne due - fino a giungere alle rassegne teatrali in Auditorium, "Spazio Binario", allocato proprio nella sede comunale quale spazio idoneo all'espressione culturale in genere, teatrale in specie; elegante e moderno, con disponibilitÓ di circa 130 posti a sedere e le pi¨ moderne attrezzature.
Ogni anno, nel periodo estivo, Zola si incontra nelle sue numerose feste e fiere locali: la Fira'd'Zola, La festa della Ronca, Riale in festa, quali momenti di aggregazione e incontro, ma anche esposizione delle proprie peculiaritÓ storiche, enogastronomiche, folcloristiche, economiche e sociali.
Dal 2014 fa parte dell'Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia, la pi¨ grande fra le unioni dell'area metropolitana di Bologna, con una popolazione di oltre 110 mila abitanti e oltre 850 dipendenti.

 
Vedi anche